Piantaggine

La Piantaggine maggiore è segnalata fra le piante medicinali indicate per l’attività antistaminica e cortisonosimile, le cui foglie manifestano un’azione
antiallergica di tipo antistaminico (aucubina): sono consigliate nel trattamento coadiuvante del prurito, della rinite e dell’asma allergico.

Manifesta attività bechica, espettorante, antinfiammatoria, antiallergica e viene tradizionalmente impiegata nel trattamento sintomatico delle patologie infiammatorie ORL e broncopolmonari.

È indicata, pertanto, anche nelle tossi spasmodiche

Proprietà curative

La Piantaggine ha proprietà astringenti e antinfiammatorie, oltre che antianemiche.

Ha la capacità di bloccare le emorragie e di favorire la guarigione delle ferite per via delle mucillagini che sono presenti nelle sue foglie.

Le sue proprietà benefiche, soprattutto dal punto di vista antinfiammatorio, la rendono utile per prevenire e trattare raffreddore e malanni invernali.
Queste mucillagini sono ancora più concentrate nelle sommità fiorite, a cui conferiscono delle proprietà lassative.

La Piantaggine è molto diffusa in Italia. La potrete riconoscere dalle foglie strette percorse da cinque nervature parallele e dai fiorellini raccolti in spighe che nascono dallo stelo centrale.
La pianta può raggiungere i 40 centimetri di altezza.

Indicato per

La Piantaggine viene utilizzata come pianta officinale e rimedio naturale per il raffreddore, in caso di infiammazioni e di anemia. È considerata utile per trattare in modo naturale le emorroidi e le malattie dell’apparato respiratorio.

Nella tradizione popolare le foglie di Piantaggine venivano impiegate come impacco da porre a contatto con le ferite tramite bendaggio per bloccare il sanguinamento e favorire la guarigione e la cicatrizzazione, mentre in erboristeria viene utilizzata come rimedio naturale per la congiuntivite e per le infiammazioni delle palpebre.

In particolare, la Piantaggine viene considerata un vero e proprio toccasana per le vie respiratorie. In erboristeria è ritenuta molto preziosa per le sue proprietà espettoranti e in caso di tosse e di raffreddore viene utilizzata sotto forma di infuso o decotto da sola o associata ad altre piante come l’eucalipto, il timo, l’altea e la malva.

Questa pianta viene inoltre utilizzata per la preparazione di sciroppi per calmare la tosse e per sciogliere il catarro. È un rimedio naturale considerato benefico per coadiuvare il trattamento di disturbi come l’asma e la pertosse grazie alle sue proprietà lenitive e antinfiammatorie.

Per uso esterno la Piantaggine è indicata in caso di prurito, dermatosi, acne rosacea, infiammazioni e piccole lesioni della pelle e l’applicazione di un impacco delle foglie è utile come rimedio lenitivo per le punture di insetti.