Polygonum

Le radici di Polygonum cuspidatum vengono da tempo usate nella medicina tradizionale cinese e giapponese e sono conosciute per le molteplici virtù, tra cui l’azione antiossidante.

Sostengono inoltre la regolare funzionalità dell’apparato cardiovascolare, favoriscono le funzioni depurative dell’organismo e il drenaggio dei liquidi corporei.

L’effetto tonico è di utilità per contrastare situazioni di stanchezza fisica e mentale sia nell’uomo che nella donna.
Può essere utilizzato sia dalla donna in menopausa che dalla donna in età fertile per
favorire la regolarità del ciclo mestruale.

L’azione antiossidante dell’estratto di Polygonum titolato in resveratrolo invece contrasta i radicali liberi e ha un’azione tonica, utile anche in caso di stanchezza fisica e mentale.

Proprietà curative

Dopo l’assunzione per bocca, il resveratrolo contenuto nel Polygonum viene trasportato nel sistema circolatorio e distribuito a tutti gli organi, dove rimane per alcune ore.

Può anche superare rapidamente la barriera ematoencefalica, andando così a nutrire direttamente il tessuto cerebrale.

Uno dei limiti maggiori di questa sostanza finora riscontrati è però la sua scarsa biodisponibilità, dovuta alla sua rapida eliminazione o trasformazione da parte dell’organismo. Per questo, in linea di principio, quando si decide di assumere resveratrolo è preferibile scegliere degli integratori che, oltre ad offrire l’estratto titolato (quindi la massima concentrazione possibile di principio attivo), lo presentino anche in forma fitosomata, ovvero legato a una molecola fosfolipidica che ne assicura un’ottima assimilazione, minimizzandone la dispersione da parte del nostro organismo. 

Vediamo ora i principali benefici di questa molecola: il resveratrolo è anzitutto un potente antiossidante.
Lo stress ossidativo è alla base di numerosi disturbi e patologie ed appare strettamente correlato con

  • le malattie cardiovascolari
  • la produzione di ateromi e disordini neurodegenerativi quali il morbo di Alzheimer, il morbo di Huntington, l’ischemia cerebrale, il Parkinson, l’epilessia e la sclerosi laterale amiotrofica (SLA).

Il resveratrolo potrebbe essere utile nel trattamento e soprattutto nella prevenzione di questi disturbi e diversi studi sono attualmente in corso al fine di accertare la dose necessaria al trattamento e la farmacodinamica.

Indicato per

Il Polygonum è utile per:

  • squilibri metabolici (da stasi epatica e intestinale) e in presenza di senso di affaticamento generale
  • inquietudine, ansia, palpitazioni
  • dissonnie o insonnie con senso di stanchezza 
  • irrequietudine e fastidio intestinale