Riso Rosso Fermentato

Se si parla di Riso Rosso Fermentato si fa riferimento all’ Oryza sativa, sottoposto all’azione di vari ceppi del lievito rosso, ovvero il Monascus purpureus, che lo arricchisce di monacolina K, una sostanza simile alle statine.

Il Riso Rosso Fermentato si vende in tavolette, da assumere durante la giornata, quello che si trova comunemente nei supermercati in realtà è riso rosso selvaggio e non contiene tutte le caratteristiche del riso rosso fermentato.

Il Riso Rosso Fermentato è molto utile per abbassare il colesterolo, soprattutto per soggetti allergici alla statina.

Proprietà curative

Proprietà del Riso Rosso Fermentato

Quali sono le proprietà del riso rosso? Il Riso Rosso Fermentato viene prodotto dalla fermentazione di un tipo di riso da cucina ( Oryza sativa) ad opera di un microorganismo Monascus purpureus o “lievito rosso”. Questa fermentazione, oltre a colorare il riso di rosso, lo arricchisce di alcuni principi nutritivi tra cui la monacolina K, importante statina vegetale che possiede una struttura chimica molto simile alla lovastatina, un farmaco appartenente alla famiglia delle statine.

LaLa monacolina K, similmente alle statine farmacologiche, è in grado di inibire la sintesi di colesterolo così da ridurne il livello nel sangue. La ricerca scientifica dichiara che il quantitativo di 10 mg di monacolina K al giorno mantiene normali i livelli di colesterolo nel sangue. I possibili effetti collaterali del Riso Rosso Fermentato sono estremamente ridotti rispetto alle statine di sintesi. monacolina K, similmente alle statine farmacologiche, è in grado di inibire la sintesi di colesterolo così da ridurne il livello nel sangue.

Riso rosso fermentato VS statine

Il Riso Rosso Fermentato si è dimostrato più efficace rispetto alla somministrazione di dosi equivalenti di lovastatina. Ciò dimostra che i suoi effetti ipolipemizzanti costituiscono la somma di vari fattori benefici e non sono riconducibili esclusivamente all’impatto della monacolina K.

Anche per questo, oltre alla ben documentata attività ipolipemizzante, si crede che il Riso Rosso Fermentato possa ridurre il rischio cardiovascolare grazie ad azioni antiaterosclerotiche “parallele”; tra queste citiamo gli effetti:

  • Antinfiammatorio
  • Vasodilatato

La fermentazione controllata in laboratorio, inoltre, può variare leggermente la composizione del Monascus purpureus e permettere la selezione di ceppi ricchi in Monacolina K o in altre sostanze dotate di particolari azioni farmacologiche.

A differenza delle statine di sintesi (considerate un vero e proprio farmaco), l’impiego di estratti di Riso Rosso Fermentato è ammesso anche nella produzione di integratori alimentari, purché rimanga entro certi limiti fissati dal Ministero (per assicurare adeguate garanzie di sicurezza d’uso).

Alcuni studi hanno indicato che certe persone intolleranti alle statine sono state in grado di sopportare il Riso Rosso Fermentato.

Prodotti con lo stesso principio attivo