Uva Ursina

Le foglie dell’ Uva Ursina risultano ricche in arbutoside (6 – 10%) – un eteroside fenolico-, tannini gallici (15 – 20%), flavonoidi, triterpeni, ecc., sono tradizionalmente impiegate nel trattamento delle infezioni delle vie urinarie grazie all’azione antisettica.
L’arbutoside per idrolisi libera un difenolo che si ossida immediatamente in idrochinone, le cui proprietà batteriostatiche sono state dimostrate in vitro nei confronti di Escherichia coli, Proteus vulgaris, Staphylococcus aureus, ecc. (Bruneton J., 2009).
I tannini e gli altri componenti del fitocomplesso sinergizzano l’azione dell’arbutina, mentre ai flavonoidi in particolare è da attribuire l’attività diuretica della pianta.

L’ Uva Ursina risulta pertanto utile in caso di infiammazione o infezione a livello delle vie urinarie, in quanto è in grado di determinare un’azione antisettica, calmante lo stimolo continuo della minzione e il dolore.

Proprietà curative

L’Uva Ursina è un rimedio molto efficace per chi soffre spesso di infiammazioni alle vie urinarie, senso di pesantezza e bruciori.

I benefici dell’Uva Ursina
Della pianta di Uva Ursina vengono utilizzate diverse parti. Dalle foglie, si ricava un ottimo rimedio fitoterapico utilizzato per contrastare le infezioni del tratto urogenitale.

Agisce sia sullo stato infiammatorio che in presenza di infezione.
La pianta svolge azione:

  • antimicrobica
  • antinfiammatoria
  • calmante
  • antispasmodica (soprattutto sullo stimolo frequente alla minzione)

Indicato per

Quando assumere l’ Uva Ursina e come?
Il suo campo primario di azione è sicuramente la zona urogenitale e svolge un’azione mirata contro infezioni e infiammazioni di questo tratto.

Utile in caso di:

  • cistite acuta
  • cistite cronica
  • uretrite
  • bruciore durante la minzione
  • senso di non totale svuotamento della vescica

Le preparazioni più comuni con l’Uva Ursina sono sotto forma di infuso, di decotto o di macerato freddo. La pianta di presta bene per essere consumata in diversi momenti della giornata.